Netiquette

Fra gli utenti dei servizi di rete, nel corso del tempo ,si sono sviluppati “tradizioni” e “principi di buon comportamento”, ma molto spesso capita d’incappare in disguidi evitabili, che, nel peggiore dei casi, danno vita a vere guerre virtuali. E’ mio proposito riportare in questo documento una breve sintesi dei principi fondamentali della “netiquette”, dopo di che… Chi è causa del suo male, pianga se stesso…

In genere i vecchi navigatori, sono molto tolleranti, ma non tutti hanno voglia di riprendere sistematicamente i vostri sbagli: quindi, accendete il cervello e siate on-line con il mondo!!! Arrivati in un nuovo newsgroup, forum o qualsiasi altro mezzo di comunicazione in rete, dove esiste un insieme eterogeneo di persone che si scambiano informazioni ,è bene conoscere e seguire alcuni semplici regole:

  • Cercare di comprendere le informazione che già sono disponibili e leggere i messaggi che vi circolano, soprattutto i precedenti prima di inviare propri messaggi ; in tal modo ci si rende conto dell’argomento  che si sta trattando e del metodo che viene utilizzato in questa comunità.
  • Leggere sempre le documentazioni relative all’argomento trattato, prima di inviare nuove domande.
  • Quando si manda un messaggio, è bene che esso sia sintetico e descriva in modo chiaro e diretto il problema. Occorre specificare sempre, in modo breve e rilevante, l’oggetto del testo, evitando di scrivere in maiuscolo (sentire urlare non è piacevole…)Il più delle volte ,chi utilizza caratteri maiuscoli lo fa soltanto per attirare la vostra attenzione.
  • Se si utilizza un “signature file”, mantenetelo breve ed efficace.
  • Non bisogna divagare rispetto all’argomento, non è bello sentirsi ricordare che sei OT (Off Topic) cioè fuori tema con la discussione.
  • Evitare, quanto più possibile, broadcast del proprio messaggio. Nella stragrande maggioranza dei casi esiste uno ed un solo luogo che costituisce la destinazione corretta, che include tutti e solo gli utenti che sono effettivamente interessati.
  • Quando si risponde, è bene evidenziare i passaggi rilevanti del messaggio originario, allo scopo di facilitare la comprensione da parte di coloro che non lo hanno letto, ma non si deve riportare mai sistematicamente l’intero messaggio originale, se non quando sia necessario.
  • Non è produttivo condurre “guerre d’opinione” sulla rete a colpi di messaggi e contro messaggi: se ci sono diatribe personali, è meglio risolverle via posta elettronica ,in corrispondenza privata tra gli interessati.
  • Non pubblicare mai, senza l’esplicito permesso dell’autore, il contenuto di messaggi di posta elettronica.
  • Non pubblicare messaggi stupidi o che semplicemente prendano le parti dell’uno o dell’altro, fra i contendenti in una discussione.
  • Non inviare tramite posta elettronica messaggi pubblicitari o comunicazioni che non siano state sollecitate in modo esplicito.
  • Non siate intolleranti con chi commette errori sintattici o grammaticali. Chi scrive è, in ogni modo, tenuto a migliorare il proprio linguaggio in maniera da essere comprensibile alla collettività. La rete è utilizzata come strumento di lavoro da molti degli utenti, nessuno di costoro ha tempo per leggere messaggi inutili o frivoli o di carattere personale, e dunque non di interesse generale; se avete richieste personali mandate una posta privata.
  • Il software reperibile sulla rete può essere coperto da brevetti o vincoli di utilizzo di varia natura. Leggere sempre attentamente la documentazione di accompagnamento prima di utilizzarlo, modificarlo o ridistribuirlo in qualunque modo e sotto qualunque forma.

Spero di essere stato chiaro e sintetico. Queste non sono delle leggi per le quali qualcuno vi perseguirà, ma soltanto delle piccolissime regole per il quotidiano vivere civile in rete, nessuno potrà mai fucilarvi perché avete postato un annuncio commerciale, senza aver messo AD davanti, ma la vostra immagine di certo non crescerà, anzi nella maggior parte delle volte sarete ignorati, se non peggio, cacciati

Similar Articles

Dichiarazione per la libe... La libertà di Internet, così come intesa nell’immaginario dei visionari che hanno contribuito alla realizzazione, dove il pensiero di base è quel fluire sinaptico costante e libero,
Dichiarazione Universale ... Preambolo Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà,
Hikikomori e le cyber mal... A distanza di più di un decennio si iniziano a prendere in considerazione anche le malattie del cyber spazio. Il dizionario Lo Zingarelli 2013 include tra i
L’economia alla portata... Nell’articolo new economy ho cercato di mettere in guardia sui rischi che si corrono quando si esaltano le nuove tecnologie per minimizzare i rischi reali di un
Il portale dei desideri La centralizzazione delle informazioni in un portale, per quanto favorisca l’uso da parte dell’utente finale, snatura il concetto di plurinformazione che è una delle colonne portanti della
I PARTITI sono MORTI La politica è morta. I Politici non rappresentano il popolo Italiano. Sono avvoltoi che si spartiscono le spoglie dell’Italia. Il pubblico diventa ogni giorno che passa una
Cos’è GNU? Queste sono le mie opinioni sul progetto GNU e la filosofia del software libero, basate direttamente dal manifesto GNU e da ciò che ho appreso dalle parole
Ciao Anti Digital Divide Mentre la rete oggi più che mai ha bisogno di difendere la propria libertà da continui attacchi da parte di coloro che cercano il controllo, accade che