Connettività in Italia

I paragrafi precedenti sono serviti per fornire le informazioni di base, ad introdurre l’intervento relativo all’incontro “Conoscere per Crescere”,  il 18 Gennaio 2009, organizzato dall’Associazione Politica “Amici di Beppe Grillo di Roma” per presentare gli argomenti per le Liste Civiche a 5 Stelle: energia, rifiuti, etc…

La connettività è il problema meno sentito a Roma, perché esiste un’ottima copertura, e un’ampia offerta per la connessione.

Ma cosa si nasconde dietro la stella della connettività?

Nel Settembre del 2006 dal suo blog Beppe Grillo lancia l’iniziativa Share Action, con la quale richiede a tutti gli azionisti Telecom di delegargli la rappresentanza nell’assemblea, con lo scopo di raggiungere un numero di azioni tale da consentire a lui, e quindi a tutti coloro che abbiano aderito, di sfiduciare i membri del Consiglio di amministrazione.

Durante l’assemblea degli azionisti, prende la parola e accusa l’intero Consiglio di Amministrazione di manifesta incapacità manageriale.

Questo perché nel 1997 venne attuata dal governo la privatizzazione delle comunicazioni, che di fatto ha svenduto tutta la rete costruita con fondi statali, dando il via ad una serie d’anomalie tutte italiane.

Le reti hanno forti costi di costruzione, che rendono difficilmente replicabile una seconda rete altrettanto estesa e capillare, quindi è improbabile avere due o più proprietari di grandi reti.

In questo senso, più volte l’Agcom ha ribadito che la rete su doppino non è replicabile; e a proposito di telecomunicazioni e altre infrastrutture, la rete è equiparata ai monopoli naturali.

Nel primo caso una questione economica crea un “monopolio naturale”, mentre nel secondo caso si fa riferimento ad un’impossibilità di duplicazione fisica per la natura e tecnica per l’uomo.

Un’ipotesi di soluzione potrebbe essere la separazione fra proprietà delle infrastrutture e gestione, in questo modo si possono conciliare queste due esigenze, attraverso una proprietà “italiana” e una gestione aperta anche a operatori esteri.

Similar Articles

Libertà della rete per t... Nell’era delle reti sociali, di Facebook, chat, acquisti on-line e blog usa e getta, esiste ancora la rete libera? Ha ancora senso parlare di questo come mezzo
Utilizzo dei cookies Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito,
Dichiarazione Universale ... Preambolo Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà,
L’economia alla portata... Nell’articolo new economy ho cercato di mettere in guardia sui rischi che si corrono quando si esaltano le nuove tecnologie per minimizzare i rischi reali di un
Gergo del cyberspazio Correvano gli anni 80 e furono cosi veloci che arrivammo al 2000. Vi starete chiedendo e gli anni 90? Beh… la risposta è semplicemente gli anni 90
Movimento o Cyber Politic... Grazie ad un comico, il Sig. Beppe Grillo, in Italia si inizia a parlare seriamente di cittadini che partecipano alla politica, in molte città sono nati gruppi
Sinapsi e i Dementi Digit... L’informazione è uno dei fondamenti della democrazia e fornisce le basi per la sopravvivenza individuale. Se il controllo dell’informazione è concentrato in pochi attori, inevitabilmente si manifestano
Considerazioni finali inc... Durante il dibattito mi sono state fatte alcune domande relative all’aspetto nocivo delle onde prodotte. Non sono entrato nello specifico con le mie risposte, in quanto non