Internet

Inizio questo breve viaggio, parlando della rete delle reti: Internet.

La storia di Internet si è evoluta attraverso molte tappe, spinta dall’idea di una rete informatica che permettesse agli utenti di differenti computer di comunicare tra loro.

I primi progetti di questo disegno, sono apparsi alla fine degli anni cinquanta, per poi avere applicazione pratica alla fine degli anni sessanta.

Dagli anni ottanta in poi, le tecnologie che oggi costituiscono la base di Internet, hanno cominciato a diffondersi in tutto il globo. Nel corso degli anni novanta la popolarità della rete è divenuta massiva soprattutto in seguito al lancio del World Wide Web.

L’infrastruttura di Internet si è estesa in tutto il mondo per creare ciò che oggi conosciamo come la rete mondiale di server e infrastrutture in rete.

Oggi grazie al WEB si può avere accesso all’informazione da qualsiasi punto del globo, questa opportunità non ha di fatto ridotto il divario economico-politico esistente in molte parti del mondo, ad oggi, infatti, la condivisione delle informazioni e dei servizi rimane ancora una pratica parziale.

Internet ha contribuito a modificare l’economia mondiale, ma al prezzo di “incidenti di percorso” di elevata gravità, come la bolla speculativa della fine degli anni novanta, un fenomeno che ha fatto storia: fittizie società apparentemente di enormi dimensioni e portata, si rivelarono fumo e i capitali investiti sono finiti in cenere.

Dopo la fase di assestamento avvenuta negli ultimi anni, la New Economy si sta nuovamente rilanciando verso una nuova follia collettiva che oggi è conosciuta come web2.0 e  che presumibilmente porterà ad un epilogo analogo al primo. 

Con la scusa del web 2.0 si stanno pericolosamente trascinando capitali e mass-media in modo del tutto simile a quello che con “internet” accadde nel passato.

Il termine Internet è stato utilizzato per la prima volta a metà degli anni settanta nel documento che definisce il protocollo di controllo trasmissione, inizialmente utilizzato per indicare l’interconnessione tra reti distinte.

In quegli anni, infatti, convivevano diversi standard di comunicazione, e la loro interconnessione era considerata un importante obiettivo. Successivamente, al consolidarsi di un protocollo per internet, come protocollo generico di comunicazione interno a una rete, il suo significato si modifica per indicare la rete di interconnessione basata sulla associazione TCP/IP, rispettivamente protocollo di trasporto internetwork, e protocollo di network.

In parole povere se il vostro PC dialoga con la rete e potete accedere al diario di Beppe Grillo (blog) per avere un’informazione alternativa ed immediata è grazie al protocollo TCP/IP.

Similar Articles

Storie Hacker 1960/70 In oltre mezzo secolo ne sono cambiate di cose, riuscire a sintetizzare in un testo tutte le storie del mondo hacker è impossibile, per questo senza presunzione
Se cade la linea Può capitare che arriva una telefonata e al momento non ne comprendi il fine, quella richiesta d’informazioni su un mondo estraneo alla realtà dei media classici, mi
1+9+90=100% Social Networ... Il termine social network è la traduzione letterale di rete sociale. Si tratta quindi di un insieme di individui che sono collegati fra di loro da un
Storie Hacker 1980 Gli anni ’80 saranno ricordati come l’epoca d’oro degli hacker ma anche come il periodo in cui si assiste a una sorta di “tradimento” dell’etica hacker. Con
Cyber Attivismo Dopo il risultato dei referendum molti si pongono le stesse domande su cosa è accaduto veramente e quanto impatto ha avuto la rete. Probabilmente il titolo di
Siamo una rete di analfab... Come al solito ecco l’ennesimo assalto per il controllo della rete, tanti proclami in giro che non aggiungono nulla per chi segue l’argomento e non significa nulla
Sistemi complessi Il cyberspazio è un sistema complesso e come tale si comporta. Inutile aspirare a particolari determinismi progettuali o a capacità di previsione. Una rete può essere un
La reputazione del cyber ... “Bene o male, l’importante è che se ne parli” Forse questa affermazione era buona per un artista negli anni 70 per suscitare forti polemiche e lanciare giudizi