Introduzione alla connettività

Riporto l’intervento fatto durante l’incontro dibattito del 18 Gennaio 2009 “Conoscere per Crescere”, organizzato dall’Associazione Politica “Amici di Beppe Grillo di Roma”.


La connettività è il problema meno sentito a Roma, questo perché su Roma esiste un’ottima copertura, ed un’ampia offerta per la connessione in genere. Ma cosa si nasconde dietro la stella della connettività proposta da Beppe Grillo?

Quando mi è stato chiesto d’intervenire sul tema della connettività, mi sono posto il problema di come affrontare l’argomento per renderlo accessibile a tutti. L’accusa più comune che viene inoltrata alla categoria degli informatici è quella di essere incomprensibili quando parlano degli aspetti tecnici nel rapporto con il cliente.

Tale paradigma è chiamato “user-friendly”. Per questo ho scelto di rivolgermi principalmente a coloro che hanno poca confidenza con il mezzo e l’argomento, ma che interessati, vogliono una base da cui partire per scoprire come la rete sia un’affascinante fonte di informazioni. Ciò non significa che argomenti molto avanzati non possano qui trovare il loro giusto posto, anzi, confidando nell’innata curiosità dell’essere umano, ho la segreta speranza che le persone che entreranno in contatto con ciò che scrivo, continuino la loro ricerca autonomamente per arricchimento personale.

Da molti anni sono impegnato nella battaglia civile, che contrappone la libertà di diffusione delle informazioni – e della sua libera divulgazione – cercando di analizzare come le barriere informatiche siano un ostacolo alla crescita dell’essere umano. Il controllo della libera circolazione delle informazioni, è teso esclusivamente a preservare un predominio culturale, nella maggior parte dei casi non meritato, dettato da logiche di imposizione di un pensiero egemone e da logiche di mercato.

Per questo, come utilizzatore di software libero, intendo preservare questo uno Status, respingendo qualsiasi imposizione legislativa che non tuteli il Copyleft almeno quanto il copyright. Il Copyleft, il diritto dell’ autore, che decide di mettere la propria conoscenza in quello che crea, a disposizione della collettività, ovvero il rovescio della medaglia del copyright, è il modo di garantire la libertà di utilizzare, distribuire, modificare e infine di ridistribuire la conoscenza diffondendo competenze altrimenti irraggiungibili.

Similar Articles

Indipendenza del Cyberspa... A distanza di decenni le considerazioni di uno dei membri fondatori della EFF (Electronic Frontier Foundation), John Perry Barlow, difensore delle libertà digitali sono ancora vere, sono
Gnu/Linux system GNU/Linux è un sistema operativo, cioè il software che permette al computer di funzionare e far girare le varie applicazioni. E’ uno Unix, anche se sarebbe giusto
RAI, cosa accade dentro l... Cos’è oggi la RAI? E’ ancora servizio pubblico, nonché la più importante realtà editoriale e culturale del paese? Lo scorso anno ci siamo infiltrati come un troll
Il movimento nativo digit... Il movimento 5 stelle, che è nato dalla rete e che utilizza quotidianamente la rete come l’elemento essenziale per le discussione e l’organizzazione della propria attività politica
Storie Hacker 1980 Gli anni ’80 saranno ricordati come l’epoca d’oro degli hacker ma anche come il periodo in cui si assiste a una sorta di “tradimento” dell’etica hacker. Con
Democrazia a domicilio Dopo il grande successo elettorale del movimento si è avviata una vera caccia alle streghe, specialmente da parte di coloro che per mestiere dovrebbe fare informazioni. IL
Considerazioni finali inc... Durante il dibattito mi sono state fatte alcune domande relative all’aspetto nocivo delle onde prodotte. Non sono entrato nello specifico con le mie risposte, in quanto non
Web vs Tv Esistono persone che scrivono, parlano, comunicano. Si chiamano uomini e donne. Esiste l’ordine naturale di chi sa leggere, scrivere, parlare e usa queste sue capacità per descrivere