Voglio l’upgrade del sistema

Con la rete miti e riti vengono amplificati, persone ubriache di protagonismo, interconnessione culturale, uno conta per ognuno, overflow d’informazioni e tematiche, riforme istituzionali, famiglia estesa, flame war no sense, surriscaldamento globale, parodia della politica, denigrare è meglio che costruire. L’uomo digitale sta diventando una stable release della realtà che non ci piaceva; un sistema con difetti che nel complesso funziona e fa quello che deve fare, si può accettare qualche bug, ma non si possono toccare le fondamenta, perché le fondamenta sono intrisi che in ognuno di noi e non voglio essere cambiate, ed è più facile adeguarsi per accelerare i tempi d’arrivo alla propria meta.

Ma prima o poi arriverà l’upgrade, per adesso meglio essere cauti e non prendere rischi inutili.
Vorrei alzarmi e urlare a tutti
IO NON SONO UNA STABLE RELEASE!!!
IO VOGLIO ESSERE UN CVS!!!
quasi nessuno capirebbe cosa ho detto, molti mi considererebbero pazzo ma come tale libero d’esprimere il mio pensiero senza compromessi, forse addirittura qualcuno sarebbe in grado di apprezzare le mie parole.
Sedicenti presentano proprie versioni di cose esistenti, che fanno molto meno degli originali.
Teppisti annoiati cercano vulnerabilità, distruggono l’opera di chi lavora e attirano altri aspiranti teppisti.
Fenomeni dannosi, inutili giochi di infanzia, certamente non CVS ma tipici stable buggati.
Quindi cosa dovremmo fare?
Rimboccarci le maniche per migliorare le cose oppure chiuderci nel nostro subversion e toglierci dalla mischia?
La realtà ha una debug directory o è stata strippata per renderla più compatta?

Noi non abbiamo una risposta, chi conosce la Verità è pregato di comunicarcela.

Possiamo trovare un appiglio per fare comunque qualcosa, eludendo la domanda come gli scolari svegli e puntando sulla distinzione tra un CVS da Implementare contro una stable release da Utilizzare Passivamente. “Fare comunque qualcosa”, forse questa è la vera risposta.
A te, chiedo di guardarti allo specchio, chiedendoti
Cosa ho creato?
Cosa sto creando?
Cosa voglio creare?

In quel momento forse comprenderesti se sei stable o CVS, decidendo da che parte stare senza dover per forza cambiare il mondo né migliorarlo.

Sarai soltanto Tu a decidere il Tuo mondo.

Testo base di (Floatman)

Similar Articles

Quando la Rete non pesca La rete, quel complesso fenomeno di interrelazioni umane, economiche, sociali, culturali, per cui tutto il mondo sarebbe attraversato da una rete di maglie connettive omologanti e livellanti,
ProvoLinux In molti oggi parlano di Linux e da più parti si cercano esperti in materia, professionisti, esperti e certificati, ma il mondo del free software è più
WI-FI  “Il nostro obiettivo è istallare 500 hotspot entro il 2010, per fare della provincia di Roma una di quelle tecnologicamente più avanzata d’Italia”. Questa è una dichiarazione
Cos’è la Connettività? Per Connettività intendo la fornitura di un servizio da parte di uno o più enti che garantiscano l’accesso alla rete.
Democrazia a domicilio Dopo il grande successo elettorale del movimento si è avviata una vera caccia alle streghe, specialmente da parte di coloro che per mestiere dovrebbe fare informazioni. IL
Governo Aperto Siamo nel mezzo di un delicatissimo passaggio della storia, la fase in cui la società si sta finalmente risvegliando da un torpore delle coscienze durato molti decenni
Hacker: Questione di ETIC... Il vero hacker non ha morale e non censurerebbe mai delle informazioni o delle idee, di qualunque tipo. Facciamo un esempio estremo: Un’iniziativa del sacerdote italiano Don
Libertà della rete per t... Nell’era delle reti sociali, di Facebook, chat, acquisti on-line e blog usa e getta, esiste ancora la rete libera? Ha ancora senso parlare di questo come mezzo