Democrazia a domicilio

Dopo il grande successo elettorale del movimento si è avviata una vera caccia alle streghe, specialmente da parte di coloro che per mestiere dovrebbe fare informazioni.

IL FATTO ha lanciato l’inchiesta su internet e la democrazia elettronica, sono stato interpellato da un amico il quale mi ha chiesto se era possibile fornire qualche risposta per chi è a digiuno del movimento.

Riporto il testo dell’inchiesta

Gratta, gratta e scopri che nel Movimento 5 Stelle di internet c’è n’è molto meno di quello sembra: i comizi – da piazza Duomo a San Giovanni – si fanno in piazza, le riunioni in circoli privati, le scelte di discutono a voce, perfino le votazioni vengono impostate guardandosi negli occhi. “Non è che clicchi e diventi parlamentare. Sgombriamo il campo dagli equivoci”, spiega Alberto Magarelli, cyberattivista della rete di Grillo. Lui sa di cosa parla: in 90 mila persone lo seguono su internet e di mestiere fa direttore strutture di rete: “Internet è solo uno degli strumenti del Movimento, senza gli incontri e le discussioni dove si affrontano gli argomenti da trattare e si decide di persona non vai da nessuna parte”.

La procedura decisionale è semplice, continua Magarelli: chiunque può iscriversi in un gruppo di Meetup e proporre argomenti, conversare. Ma questo non lo trasforma del tutto in attivista. C’è la certificazione, con un documento di identità valido, e l’attività dal vivo, ossia gli incontri dove si discute quali siano le priorità: “Ci devi andare di persona. Online comunichi se aderisci o meno, così decidiamo se riunirci in una casa privata piuttosto che in una sala affittata. Qui prendiamo le decisioni: all’unanimità oppure con un sondaggio che sarà messo sulla rete”.

La cosa importante, sottolinea Magarelli, è che un gruppo può affrontare solo questioni all’altezza del gruppo, di portata ed efficacia locale. Solo se il tema viene discusso e condiviso da più gruppi può diventare un tema nazionale e sbarcare sul portale di Beppe Grillo: ”Molti pensano che le decisioni del movimento siano calate dall’alto, ma non è così. L’equivoco nasce dal fatto che siamo intangibili: siamo tanti gruppi frastagliati, disomogenei nelle forme del sito o nelle procedure di discussione e quindi la stampa non ci capisce, ma il metodo che applichiamo è sempre quello: ogni discussione deve sopravvivere a più livelli di sondaggio e confronto. Alla fine, in alto, c’è solo la sintesi”.

Una questione, quella della piramide di decisioni, che non è di lana caprina perché sul fronte delle decisioni online pesa come un macigno la questione attendibilità: il voto può essere manipolato e falsato. “Manipolato no – ribatte Magarelli -. La procedura che da gruppo in gruppo porta le questioni sul nazionale è frutto di dibattiti sul territorio di gente in carne ed ossa che si confronta e si conosce”. Lo stesso metodo sarà utilizzato per proporre la rosa di candidati alla presidenza della Repubblica: “Facciamo come gli altri partiti, la differenza è che gli altri lo fanno a tavolino in segreto, mentre noi lo facciamo tra i gruppi e poi portiamo tutto online, con tanto di discussioni e critiche”. Diversamente dalla scelta dei candidati, la scelta finale del Presidente tra più nomi, sarà una votazione online a tutti gli effetti: “Li, come accaduto con le parlamentarie, non posso mettere la mano sul fuoco”.

Sondaggi e voti online – infatti – sembrano idonei solo per piccole cose, piccoli gruppi, dove nessuno ha interesse a manipolarli perché quanto a sicurezza e attendibilità fanno acqua da tutte le parti. E la conferma è autorevole. Jeromil è l’hacker che ha prodotto “Forkbomb”, un virus in grado di paralizzare un computer in un programma di soli 13 caratteri ed è tra gli sviluppatori del liquid feedback, il software di democrazia online usato dai piraten tedeschi. E’ categorico: “No, non esiste un sondaggio o votazione ondine sicura. Nulla di più facile da violare”.

Jaromil spiega che persino l’idea del voto elettronico nei seggi è tramontato del tutto: troppo vulnerabile: “Qui in Olanda dove mi trovo, ci hanno provato nel 2007. Poi gli hacker gli hanno fatto notare quanto fossero facili da violare e sono tornati alle matite. Ci hanno provato anche in California, Canada, Inghilterra. Tutti fallimenti. La Diebold, azienda che produce i bancomat, ha ritirato tutte le macchine per votazioni”. Il compito che sentono di dover svolgere gli hacker è proprio quello: violare per mostrare la debolezza. Il responso è implacabile: “L’unico voto attendibile è quello espresso con carta e penna e scrutatore che controlla voto per voto, identità per identità. Il resto è fuffa, va bene per consultazioni tra amici, dove nessuno ha interesse a commettere violazioni”.

Dopo la chiacchierata è stata una bazzecola testare il sondaggio promosso da Viola Tesi che invita il Movimento 5 Stelle a scendere a patti con il Pd: pochi minuti per votare due volte usando lo stesso nome. Sono i voti 137.792 e 137.793 espressi dall’utente Voto Civetta: quella consultazione attivata sul sito Change,org, come per gli altri voti online, non è attendibile.

Similar Articles

Dichiarazione per la libe... La libertà di Internet, così come intesa nell’immaginario dei visionari che hanno contribuito alla realizzazione, dove il pensiero di base è quel fluire sinaptico costante e libero,
Comandi VI Mettiamola cosi, ormai sono talmente vecchio, che ho sentito il bisogno di riproporre la tabella riassuntiva, che si riferisse solamente ai concetti e comandi per usare l’editor
Governo Aperto Siamo nel mezzo di un delicatissimo passaggio della storia, la fase in cui la società si sta finalmente risvegliando da un torpore delle coscienze durato molti decenni
Video del dibattito sull... L’economia è una materia complessa, ed è poco comprensibile alla maggioranza dei cittadini, anche perché chi lavora in questo campo, fa di tutto per renderla incomprensibile con
Storie Hacker 1960/70 In oltre mezzo secolo ne sono cambiate di cose, riuscire a sintetizzare in un testo tutte le storie del mondo hacker è impossibile, per questo senza presunzione
WI-FI  “Il nostro obiettivo è istallare 500 hotspot entro il 2010, per fare della provincia di Roma una di quelle tecnologicamente più avanzata d’Italia”. Questa è una dichiarazione
Netiquette Fra gli utenti dei servizi di rete, nel corso del tempo ,si sono sviluppati “tradizioni” e “principi di buon comportamento”, ma molto spesso capita d’incappare in disguidi
Quando la Rete non pesca La rete, quel complesso fenomeno di interrelazioni umane, economiche, sociali, culturali, per cui tutto il mondo sarebbe attraversato da una rete di maglie connettive omologanti e livellanti,